ITALIA DAL 1945 AL 1992

GOVERNO DI UNITA' NAZIONALE

Governo De Gasperi più coalizioni

GOVERNO DE GASPERI

1945 - 1946

Governo costituito da una coalizione di forze antifasciste.
1) tenta di unificare l'amministrazione dello Stato: al Sud i prefetti erano ancora i partigiani che liberarono le rispettive città;
2) Togliatti propone un'amnistia per i fascisti che non si erano macchiati di crimini, si voleva restituire un clima di pace

Prime elezioni amministrative

marzo 1946

Vinse la DC (democrazia cristiana)
Poi comunisti (PCI) e socialisti (PSIUP)

Elezioni per l'assemblea costituente

2 giugno 1946

Si nota la prevalenza di 3 partiti di massa: democristiani, socialisti, comunisti.

Referendum istituzionale

2 giugno 1946

Referendum per decidere fra Repubblica o Monarchia.
Si mostra netta la separazione tra Nord (dove ha la maggioranza la Repubblica) e Sud (dove ha la maggioranza la Monarchia).

STESURA COSTITUZIONE

2 giugno 1946 - 1 gennaio 1948

La stesura della Costituzione diventa campo di confronto tra più ideologie.
Gli elementi comuni erano: la scelta di una repubblica, l'antifascismo e il desiderio di stabilire regole certe per il futuro.
Entra in vigore l'1 gennaio 1948.

De Gasperi a Washington

gennaio 1947

De Gasperi sottopone all'America la difficile situazione italiana, chiede aiuto sottolineando la minaccia dei comunisti presenti nel territorio italiano.
Siccome l'Italia occupava una posizione geografica strategica per la guerra fredda gli americani erano disposti ad aiutare il paese, ma con l'imposizione di allontanare dal governo i comunisti e i socialisti.

ESECUTIVO A GUIDA DEMOCRISTIANA

maggio 1947 - 18 aprile 1948

De Gasperi vara un esecutivo a guida democristiana per ottenere i finanziamenti da parte dell'America.
Politica economica guidata da Enaudi.

GOVERNO CENTRISTA

DC, PLI, PSDI, PRI

Elezioni politiche

18 aprile 1948

In un clima di scontro tra classe lavoratrice e governo si indicono le elezioni politiche che si presentavano come uno scontro tra DC e Fronte Popolare (PCI e PSI).
Le elezioni inoltre portano alla divisione della CGIL; quindi si crea la CISL (componente cattolica) e la UIL (socialdemocratica).
La paura del comunismo e i primi risultati positivi del governo De Gasperi portano alla schiacciante vittoria della DC

GOVERNO DE GASPERI

18 aprile 1948 - 7 giugno 1953

De Gasperi forma il nuovo governo democristiano con il sostegno di partiti democratici minori; inaugura i "governi centristi".
Presidente della Repubblica Enaudi.

PROGRAMMA DE GASPERI

maggio 1948

POLITICA ESTERA:
1) L'Italia si schiera col blocco statunitense
2) Pone le basi per una futura Unione Europea con Francia, Germania e Benelux
POLITICA INTERNA:
1) Si riavviò la ricostruzione del Paese sfruttando gli aiuti economici americani
FRONTE SOCIALE:
1) Tentò di varare un programma di sviluppo a favore della libera iniziativa imprenditoriale
2) varò la riforma agraria con la distribuzione di terre (CRITERI DI ESPROPRIO)
STRUTTURE PREVIDENZIALI E ASSISTENZIALI:
1) Casa del Mezzogiorno: gestiva i finanziamenti pubblici per lo sviluppo di infrastrutture nel Sud
2) Riforma del fisco (riforma Vanoni): tassa proporzionale sul reddito
3) ENI: ricerche energetiche
4) Ministero per le partecipazioni statali: si occupava delle industrie controllate dallo Stato

Attentato Togliatti

14 luglio 1948

Togliatti subisce un attentato da uno studente neofascista.
L'attentato rischia di suscitare una rivolta, ma Togliatti dall'ospedale rassicura il popolo e calma le acque.

legge truffa

1953

De Gasperi vedendo il calare di consensi della DC vara la nuova legge elettorale chiamata in seguito dagli altri partiti "legge truffa".
Garantiva il 65% dei seggi nel caso la coalizione avesse ottenuto più del 50% dei consensi.

Elezioni '53

7 giugno 1953

DC ottenne poco meno del 50%
Viene ritirata la legge truffa
De Gasperi non ottiene la fiducia e si ritira

6 GOVERNI IN 5 ANNI

8 giugno 1953 - 1960

Durante la seconda legislatura di guida democristiana si fecero più frequenti le crisi di governo e si susseguono 6 governi in 5 anni

Riconoscimento della sovranità italiana sulla zona A (Trieste)

1954

Italia entra nell'ONU

1955

ROTTURA TRA PCI E PSI

1956

Il PSI (Nenni) condanna l'invasione russa dell'Ungheria segnando un allontanamento delle posizioni filosovietiche del PCI.Avviene la rottura del Fronte Popolare (avrebbe portato ad un avvicinamento tra PSI e DC)

MEC

1957

Atto di nascita del Mercato Comune Europeo

EVENTI PARALLELI

Dal 1958 al 1963 anni del Boom economico
Il 28 ottobre 1958 viene eletto Papa Giovanni XXIII

BOOM ECONOMICO

1958 - 1963

L'espansione economica produsse:
1) aumento medio annuo del 10% nella produzione manufatturiera
2) incremento del PIL
3) aumento del 13,8% negli investimenti annui

Con il Boom economico l'Italia passa dall'essere un Paese agricolo a uno industriale con l'aumento del tenore di vita.
Con questo sviluppo accresce la differenza tra CITTA' e CAMPAGNA e fra NORD e SUD, quindi ci fu una forte migrazione, venne a mancare forza lavoro nei campi e i nuclei famigliari si disgregano

Triangolo industriale

1958

Prima area interessata all'incremento produttivo

Papa Giovanni XXIII

28 ottobre 1958 - 3 giugno 1963

Enciclica Mater et magistra

1961

Il papa si esprime contro il libero mercato e propone un'integrazione degli immigrati

Concilio Vaticano II

1962

Concilio per porre le basi per un rinnovo della Chiesa

Austerity

gennaio 1973

A causa dell'aumento dei prezzi del petrolio (economia aggravata dalle conseguenze della Guerra arabo-israeliana del Kippur), e siccome l'Italia non poteva contare su un'autonomia energetica; si introdusse un periodo di Austerity (dei sacrifici).
A questi fattori si associò anche l'incremento della ristrutturazione tecnologica

Instabilità istituzionale e strategia della tensione

1974

Il clima politico era aggravato dal susseguirsi di STRAGI TERRORISTICHE
- Piazza della Loggia a Brescia
- Treno Italicus
- Stazione di Bologna

Instabilità istituzionale e strategia della tensione

1974

Il clima politico era aggravato dal susseguirsi di STRAGI TERRORISTICHE
- Piazza della Loggia a Brescia
- Treno Italicus
- Stazione di Bologna

GOVERNI DI CENTRO SINISTRA

Nel 1960 si conclude la stagione dei del centrismo. La DC comincia alleanze alternative.
Inizialmente_ alleanze con i partiti conservatori
Poi_ cerca alleati a sinistra, si creano le condizioni necessarie per l'ingresso dei socialisti al governo

GOVERNO FANFANI

1960 - 1962

Fanfani realizza il suo progetto e forma un nuovo governo con DC, PRI, PSDI, e con il sostegno del PSI

Programma Fanfani

1960

PROGRAMMA ECONOMICO:
1) Creazione di servizi sociali
2) riequilibrio del rapporto tra agricoltura e industria
3) seria pianificazione attraverso la concertazione tra sindacati e industriali
4) nazionalizza la produzione di energia elettrica
5) "piano verde" per l'agricoltura

PROBLEMI ECONOMICI

1960 - 1963

Problemi economici dovuti all'inflazione, agli scioperi che determinarono un calo produttivo e agli imprenditori che non approvavano la nazionalizzazione dell'industria elettrica.

Imposta sui dividenti azionari

1962

Salvaguardava l'anonimato degli azionari

Riforma della scuola

1963

Scuola media unificata.
L'obbligo di studio passa dagli 11 ani ai 14

GOVERNO ALDO MORO

1963 - 1968

PROGRAMMA:
1) riforma agraria per riequilibrare Nord e Sud
2) completamento della riforma scolastica
3) rivedere il sistema delle pensioni
Non ebbero molto successo per la situazione economica del paese

Elezioni '63

1963

Penalizzati DC e PSI, però un governo di centrosinistra è l'unica possibilità quindi dopo le elezioni l'alleanza si completò.

GOVERNI DI SOLIDARIETA' NAZIONALE

Dal 1973 al 1978, il compromesso storico fu il progetto politico elaborato da Berlinguer per trovare un territorio di incontro tra DC e PCI, isolare gli opposti estremisti e realizzare una maggior stabilità democratica.

COMPROMESSO STORICO

1973 - 1978

Governi DC + PCI
Dal 1973 al 1978, il compromesso storico fu il progetto politico elaborato da Berlinguer per trovare un territorio di incontro tra DC e PCI, isolare gli opposti estremisti e realizzare una maggior stabilità democratica.

EUROCOMUNISMO

1973

Critica radicale di Berlinguer ai metodi sovietici e un ripudio della leadership di Mosca. L'eurocomunismo presupponeva una stabile alleanza tra i Partiti Comunisti occidentali , che si proponeva come una alternativa al modello sovietico.

Sequestro Aldo Moro

16 marzo 1978

Un commando delle Brigate Rosse rapì Aldo Moro.
Il mondo politico si divide tra chi ritiene impossibile ogni trattativa con le BR, e chi invece riteneva giusto trattare la scarcerazione di alcuni terroristi in cambio della vita di Moro (PSI e radicali)

Viene ritrovato il corpo di Moro

Approx. giugno 1978

Viene ritrovato il corpo di Moro in via Caetani, a metà tra le sedi di DC e PCI.
Questo fatto costituì una svolta per la lotta al terrorismo: fu varata una legge speciale che rendeva più efficaci le indagini e dall'altro offriva degli sconti di pena a chi si fosse costituito in cambio di collaborazione.
Viene sconfitto il terrorismo.

PENTAPARTITO

Dal 1978 al 1992
Costituito da PSI, DC, PLI, PSDI, PRI

Preambolo

1980

Documento redatto da Donat-Cattin e Forlani (DC) per eliminare definitivamente ogni collaborazione con i comunisti, e riproponeva la stabile alleanza con il PSI

GOVERNO SPADOLINI

1981 - gennaio 1983

GOVERNO CRAXI

1983 - 1987