LA "NOTTE DELLA REPUBBLICA":l'età di Cesare

Events

Morte di Cesare

44 a.C.

Nel 44 a.C. la posizione di dominio di Cesare fu sancita dal senato con il riconoscimento della carica di dittatore a tempo indeterminato. Molti si chiedevano se egli avesse in animo di reintrodurre la monarchia, ma questa domanda non avrebbe mai avuto risposta perché, già nel corso dello stesso anno, Cesare cadde vittima di una congiura animata da sostenitori del regime repubblicano.

Scontro tra Pompeo e Cesare

45 a.C. - 49 a.C.

Cesare sconfigge Pompeo

48 a.C.

Di fronte all’avanzata di Cesare, Pompeo fuggì nei Balcani, ma venne inseguito. A Farsalo, in Tessaglia, si combatté lo scontro decisivo, che si concluse con il trionfo di Cesare. Pompeo, in fuga, raggiunse l’Egitto, ma qui venne tradito e fatto uccidere dal sovrano locale, Tolomeo XIII, desideroso di ottenere l’appoggio di Cesare.

Cesare varca il Rubicone

49 a.C.

I successi di Cesare in Gallia suscitarono il sospetto del senato, che gli contrappose Pompeo e che cercò di farlo rientrare a Roma senza eserciti per metterlo sotto processo. Consapevole del pericolo, Cesare passò il Rubicone, che segnava il confine oltre il quale non era possibile guidare eserciti, per marciare su Roma. Aveva inizio la guerra civile.

Campagna in Gallia di Cesare

52 a.C. - 58 a.C.

Dal 58 a.C. Cesare, terminato il consolato, divenne governatore della Gallia e iniziò una sistematica conquista della regione. L’unico ostacolo che incontrò fu l’insurrezione dei galli guidata da Vercingetorige, asserragliato ad Alesia. L’assedio alla città, nel 52 a.C., segnò la definitiva conquista della Gallia da parte di Cesare.

Sottomissione della Gallia da parte di Cesare

52 a.C. - 53 a.C.

Sconfitta romana a Carre e morte di Crasso

53 a.C.

Accordi di Lucca fra Cesare, Pompeo e Crasso

56 a.C.

Prima fase della conquista della Gallia

57 a.C. - 58 a.C.

Cesare console

59 a.C.

Primo triumvirato

60 a.C.

Nel 60 a.C. le tre personalità più in vista di Roma, Pompeo, Crasso e Giulio Cesare, stipularono un patto per dividersi le magistrature negli anni successivi, impegnandosi a favorirsi reciprocamente. Il patto, di natura privata, rappresentava una sovversione dei meccanismi di funzionamento della repubblica: tre privati cittadini disponevano delle massime cariche dello stato.

Cesare pretore; ritorno di Pompeo dell'Oriente

62 a.C.

Congiura di Catilina

62 a.C. - 63 a.C.

Nel 63 a.C. venne scoperta la congiura organizzata dall’aristocratico Catilina per impadronirsi del potere a Roma, nonostante la sconfitta alle elezioni per il consolato. A reprimere la congiura fu Cicerone, un uomo nuovo di orientamento aristocratico che, dopo aver denunciato Catilina in celebri orazioni, ne decise l’immediata esecuzione insieme ai suoi complici.

Cicerone console; Cesare pontefice massimo

63 a.C.

Pompeo sconfigge definitivamente Mitridate

66 a.C.

Pompeo ottiene poteri eccezionali per combattere i pirati

67 a.C.

Nel 67 a.C. la carriera del condottiero Gneo Pompeo conobbe il suo apice. Per sgominare i pirati del Mediterraneo gli venne conferito un potere di comando straordinario. L’impresa ebbe successo, e negli anni successivi venne affidato a Pompeo il compito di sistemare le province orientali dell’impero.

Pompeo e Crasso consoli; leggi a favore dei popolari e dei cavalieri

70 a.C.

Guerra servile, vinta da Crasso e da Pompeo

71 a.C. - 73 a.C.

Pompeo stronca la rivolta di Sertorio in Spagna

72 a.C.