IL MIO CORSO PEER EDUCATION

Events

secondo anno corso fumo

2013 - 2014

COSA è?
Il fumo di tabacco è un aerosol, cioè una miscela di gas (87%), vapore acqueo (5%) e particelle solide (8%).
Una sigaretta è composta da oltre 4000 sostanze che derivano dalla combustione del tabacco, e si possono dividere in 4 grandi gruppi:
catrame: è un complesso di sostanze solide, alcune di queste sono anche cancerogene o cocancerogene (sostanze cioè in grado di trasformare una cellula sana in una cellula tumorale e far si che questa continui a dividersi). Questo effetto può essere potenziato dal polonio 210, sostanza radioattiva che viene intrappolata nel muco bronchiale. Ecco spiegato perchè i non fumatori hanno un rischio più basso di ammalarsi di tumore broncopolmonare.

Agenti ossidanti: sono sostanze irritanti che provocano un aumento delle secrezioni bronchiali e favoriscono il ristagno di microbi, provocando bronchiti acute o/e croniche, tosse, raffreddori riniti e otiti. Tutto questo perchè queste sostanze causano una riduzione delle difese immunitarie e la paralisi delle ciglia vibranti, che con il loro continuo movimento garantiscono la pulizia dell'apparato respiratorio. Ecco perchè le bronchiti acute e croniche sono meno frequenti in chi sa tenere puliti i propri bronchi e polmoni.

CO (monossido di carbonio): è un gas inodore e incolore che si sostituisce all'ossigeno che i globuli rossi trasportano e quindi un maggior lavoro del cuore per compensare questa carenza di ossigeno. Lo sportivo che fuma avverte in modo particolare la carenza di ossigeno e diminuisce il suo rendimento atletico.

Nicotina: è responsabile della dipendenza, agisce sia sul sistema nervoso centrale che periferico con meccanismi complessi e sull'apparato circolatorio aumentando la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna con un aumento di rischio di trombosi e infarto. Questa sostanza si assorbe velocente e passa direttamente nel sangue, infatti viene già assorbita nella bocca per questo chi fuma ha spesso denti e dita gialle.

IL FUMO PASSIVO: è quello inalato involontariamente dai non fumatori che si trovano in un ambiente saturo di fumo di sigarette degli altri. I non fumatori esposti per lungo tempo al fumo altrui, rischiano di sviluppare le stesse gravi malattie dei fumatori.
Le prime “vittime” sono i bambini dei fumatori che si possono ammalare più spesso dei loro coetanei. Un fumatore passivo del tutto particolare è il bambino in gestazione, che ancora deve nascere e già subisce gli effetti nocivi del fumo attraverso la madre fumatrice. Rivevono ossigeno attraverso il sangue del cordone ombelicale, è proprio attraverso questa via che alcune sostanze della sigaretta raggiungono il bambino. Il fumo passivo è stato inserito tra le 88 sostanze “sicuramente cancerogene” dello IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro).

COSA CAUSA?
Il fumo causa in Italia circa 80.000-90.000 morti l'anno, al fumo sono attribuibili: il 90% delle morti per tumore polponare, il 25% delle morti per malattia coronaria del cuore, il 75% delle morti per bronchite cronica ed enfisema polponare.

Allora io mi domando se è così dannoso il fumo perchè lo Stato che dovrebbe tutelarci è il primo e unico produttore?
Il monopolio di Stato o pubblico è un tipo di mercato in cui il solo produttore (o fornitore) di un determinato bene o servizio è lo Stato. Esso impedisce tramite leggi l'entrata nel mercato da parte di soggetti privati.

Difficile smettere. Se cominciare sembra facile, non lo è altrettanto smettere: i fumatori che hanno tentato di farlo senza successo nel 92,0% dei casi non avevano alcun tipo di supporto. L'età media in cui si smette di fumare è di 42,5 anni , essenzialmente per la maggior consapevolezza dei danni provocati e/o per motivi di salute. Il 12,2% dei fumatori dichiara che vorrebbe smettere di fumare nei prossimi sei mesi.

Situazione mondiale:
Il consumo di tabacco ha raggiunto le dimensioni di un’epidemia globale.
In tutto il mondo si fumano ogni giorno più di 15 miliardi di sigarette. Il consumo totale continua ad aumentare dall’inizio del ventesimo secolo, tanto che negli ultimi 100 anni, dal 1900 al 2000, si è passati da 50 miliardi di sigarette fumate a circa 6 mila miliardi: in totale il consumo è aumentato di 120 volte. Il paese con la proporzione maggiore di fumatori è la Repubblica Popolare Cinese, a livello mondiale ogni tre sigarette fumate una è fumata inCina. Quest’ultima è anche il paese in cui si registra un incremento nella produzione totale di tabacco, aumentata nel 2005 dell’11,4% rispetto al 2004, mentre la più forte diminuzione si è registrata in quest’ultimo anno negli Stati Uniti, con una flessione del 27,2%. Negli USA infatti le vendite delle sigarette sono al livello più basso dal 1951, e in soli 5 anni, dal 1998 al 2005, si è avuta una diminuzione del 21%. Tale diminuzione è attribuibile anche all’introduzione del Master Settlement Agreement, accordo che ha imposto restrizioni sulla pubblicità, promozione e commercializzazione di sigarette alle industrie del tabacco soprattutto nei confronti dei giovani.
L’Italia nella classifica mondiale dei maggiori paesi produttori di tabacco si colloca al nono posto, con una quota dell’1,7% sulla produzione totale.

terzo anno corso alcol

2014 - 2015

COSA E'?
L'alcol è una sostanza tossica per l'organismo e possiede effetti psicoattivi (cioè agisce sul cervello) con conseguenti modificazioni del comportamento.
Questi effetti variano a seconda del valore dell'alcolemia (cioè la concentrazione dell'alcool nel sangue), che si misura in grammi/litro di sangue.
Questo valore cresce fino ad arrivare al valore massimo in 30 minuti se a digiuno mentre in 60 minuti se a stomaco pieno; si va da una sensazione di rilassamento, fino alla difficoltà di coordinare i movimenti, disturbi della vista, la nausea e il vomito, fino al coma ed alla morte per tassi alcolemici molto alti. Non tutte le persone eliminano l'alcol con la stessa efficacia, in quanto ogni individuo ha diverse capacità di sintetizzare (produrre) gli enzimi che servono ad eliminare l'alcool. Le notevoli differenze per quanto riguarda il sesso e l'età: negli individui di sesso femminili, anche adulti, e nei ragazzini di entrambi i sessi al di sotto di 16 anni il sistema metabolico risulta avere un 50% in meno di capacità di eliminazione in confronto a quella di un adulto maschio. È per questo motivo che la legge italiana vieta la vendita di bevande alcoliche ai minori di 18 anni.

ALCUNE FALSE CREDENZE:
Alcol dà forza: questa sostanza è un sedativo e fa sentire meno fatica e abbassa la soglia del dolore. Inoltre le calorie apportate non servono per il lavoro muscolare, per cui si ha calo delle prestazioni fisiche.
Alcol dà sicurezza: questa sostanza non dà nè coraggio nè sicurezza solo che può far dimenticare la timidezza, rendendo così la persona più spavalda. Per questo le persone timide sono più a rischio di sviluppare una dipendenza da alcol.
Alcol fa buon sangue: questa sostanza può provocare anemia (riduzione dei globuli rossi) per carenza di vitamina B12 e acido folico. Inoltre interferisce con l'emoglobina (proteina addetta al trasporto dell'ossigeno).
Alcol toglie la sete: questa sostanza non disseta, anzi fa perdere acqua al nostro organismo aumentando la sete.
Alcol riscalda: questa sostanza dà sensazione di calore, ma è solo una sensazione temporanea, perchè è un vasodilatatore periferico (fa umentare la quantità di sangue che circola sottopelle), ma disperdendo calore all'esterno facendo così diminuire la temperatura corporea.
Alcol fa dimagrire: questa sostanza rallenta lo svuotamento dello stomaco e quindi la digestione, perchè esergita un'azione tossica sulle pareti di stomaco e intestino, portando a infiammazioni acute e croniche come le gastriti.
Rimedi contro l'ubriacatura: un caffè non è sufficiente, così come una doccia, bere molta acqua, fare attività fisica, bere olio o uova, mangiare caramelle alla menta... L'UNICO RIMEDIO è ATTENDERE UN PAIO DI ORE PER DARE TEMPO ALL'ORGANISMO DI METABOLIZZARE ED ELIMINARE L'ALCOL ASSUNTO.

COME FACCIAMO A SAPERE QUANTI GRAMMI DI ALCOL SONO CONTENUTI IN UNA BEVANDA ALCOLICA?

la quantità di alcol assunta si misura in Unità Alcoliche (U.A) che corrisponde a 12 grammi di alcol.
Come per esempio:
1 bicchiere di vino a 12 gradi (125 ml)
1 lattina di birra a 5 gradi (330 ml)
1 bicchierino di superalcolico a 36 gradi (40 ml)
Bisogna sapere:
la quantità di bevanda alcolica (in milligrammi)
grado alcolico (riportato sull'etichetta)
e basta applicare la formula: (ml * grado alcolico * 0,80) : 100 = U.A

per esempio:
SEX ON THE BEACH: Longdrink
ingredienti:
4 cl Vodka
2 cl liquore alla pesca
4 cl succo di mitillo
4 cl succo d'arancia
Mescolare tutti gli ingredienti in un bicchierino pieno di ghiaccio. Guarnire con fetta arancione.
CALCOLO:
(40 * 40 * 0,80) : 100= 12,80
(20 * 30 * 0,80) : 100= 4,8
(40 * 0 * 0,80) :100= 0
(40 * 0 * 0,80) :100= 0
12,80 + 4,80 + 0 + 0 = 17,60

classi prime

marzo 2014 - aprile 2014

Salone del Gusto di Torino

23 Ottobre 2014 - 27 ottobre 2014

quarto anno prevenzione ai tumori

2015 - 2016

L'alimentazione è una cosa indispensabile per sopravvivere ma non sempre si fa bene. Con una alimentazione equilibrata e ricca di vitamine e sali minerali, che spesso vengono dimenticati, si rischia meno di andare incontro a malattie degenerative, come per esempio: cancro, diabete, colesterolo ect.

L'alimentazione equilibrata è molto soggettiva perchè ci sono molti fattori, nell'individuo, per il quale può variare:
il sesso,
l'età,
l'attività fisica,
le patologie,
il metabolismo
comunque indicativamente, per un adulto normale i valori sono:
2 litri di acqua
10% protidi di cui 1/3 animale e 2/3 vegetali
25% lipidi di cui 1/3 animale e 2/3 vegetali
65% glucidi di cui 10% semplici, 30 g fibre e 35% amido
mentre in un adolescente:
2 litri di d'acqua
15% di cui 50% vegetali e 50% animali
30 % lipidi di cui 1/3 animale e 2/3 vegetali
55% glucidi di cui 10% semplici e 45% amido

Tenedo conto che più la dieta è varia più è equilibrata; da non dimenticare la piramide alimentare, nella quale la base è l'attività fisica.

Settimana: Giornaliera:

Oltre agli alimenti ci possono essere anche delle preparazioni sfiziose, Secondo le indicazioni del progetto regionale “SCEGLI CON GUSTO, GUSTA IN SALUTE” nel laboratorio per medici in formazione che abbiamo svolto a marzo abbiamo scelto preparazioni con le seguenti caratteristiche: SALUTARE, SEMPLICE, SOSTENIBILE, SAPORITA (SFIZIOSA), VELOCE e A BASSO COSTO.
Abbiamo voluto scegliere piatti che si potessero anche presentare in modo “SCENICO”/ACCATTIVANTE per facilitarne il consumo da parte di persone con problemi di salute o che vogliono evitare problemi di salute, sia per favorire la CONVIVIALITÀ, prevista dalla piramide alimentare, che per “sfatare” la credenza che i piatti salutari siano “tristi”…

Per questo abbiamo rivisitato alcune ricette della tradizione come quella delle mele cotte da noi nominate “MELE GLOCAL”, preparate con una tipica varietà locale (Mela Campanina) (“LOCAL”), con aggiunta di spezie, zucchero di canna integrale Mascobado (“GLOBAL”), uvetta ed agrumi.
Due parole sulla Mela Campanina
E’ una varietà presente sul territorio modenese-mantovano da fine ’800 - inizio ‘900. Coltivata inizialmente dai contadini per sfamare le proprie famiglie con grosse scorte nelle cantine. Nel dopo guerra un po’ alla volta fu abbandonata per l’ingresso sul mercato di mele più grosse e dolci. Per fortuna alcuni frutticoltori hanno mantenuto questa tradizione.
Caratteristiche: particolarmente adatta per la conservazione durante l’inverno e per la cottura in forno. Contenuto di sostanze antiossidanti (acido ascorbico, polifenoli e pectine) superiore a tutte le altre varietà e almeno 4 volte superiore alla varietà Golden Delicious.
Ricetta:
ingredienti:
1 kg Mele var. Campanina
40g Zucchero di canna integrale
50gUvetta sultanina
2 Arancie piccole (succo)
1 Limone piccolo (succo)
3 Anice stellato
½ stecca di Cannella
3 Chiodi di garofano
PER DECORARE :
Zucchero di canna integrale
Cannella in polvere
procedimento:
Sbucciare le mele e tagliarle a pezzetti di medie dimensioni, solo alcuni di piccole dimensioni
Aggiungere uvetta, zucchero, sacchettino per alimenti con le spezie chiuso con lo spago per alimenti
Spremere ed aggiungere il succo degli agrumi
Cuocere a fuoco medio per 15’
Togliere il sacchettino con le spezie
Servire calde o tiepide spolverizzate di zucchero e cannella in polvere

Oltre ad alimenti ci sono anche bevande sfiziose come può essere l'acqua di chia, una bevanda preparata con semi di origine messicana (Salvia hispanica) che stanno diffondendosi anche in Europa e in Italia perché ricchi di fibre, antiossidanti, proteine, acidi grassi essenziali, povere di sodio e senza glutine. Inoltre controllano il livello di zucchero nel sangue e aiutano ad eliminare i liquidi e le tossine e regolano la flora intestinale.
Ricetta dell'acqua di chia:
ingredienti:
1l acqua
1 succo di limone
1 cucchiaio di zucchero
2 cucchiai di semi di chia
procedimento:
Spremere il limone e filtrare il succo
Mettere i semi di chía in ammollo con poca acqua (circa 200 ml), il succo di limone e lo zucchero in una caraffa per 15’
Aggiungere l’acqua rimanente ed aspettare per 40’: i semi risulteranno teneri e formeranno un gel caratteristico
Mescolare e servire

Oppure l'infuso di zenzero semplice ed effivace.

Ricetta infuso di zenzero:
ingredienti:
300 ml acqua
40g di zenzero fresco (in pezzi di 5cm)
preparazione:
Bollire l’acqua
Lavare bene e tagliare a fettine il rizoma di zenzero
Mettere lo zenzero a fettine in una tazza alta e versarci sopra l’acqua bollente
Lasciate macerare per circa 15’

classi seconde

marzo 2015 - aprile 2015

EXPO

2 ottobre 2015

quinto anno alimentazione sana

2016 - 2017

LE DIFFERENZE TRA LA DIETA MEDITERRANEA, QUELLA AMERICANA E QUELLA SPAGNOLA.

INGLESE

LA ALIMENTACIòN DE LOS ESPAÑOLES
La cocina española es muy variada, asì que no existe un plato nacional.
Està basada en frutas,verduras y legumbres,pan pasta,arroz.frutos secos ( nueces,pipas de girasol, etc.), aceite de oliva virgen extra,ajo, pescado,marisco, aves de corral, carnes, queso yogurt y vino. Esta dieta rica es considera la màs saludable del mundo ànque se muy similar a la cocina mediterrànea.

DESAYUNO, ALMUERZO Y CENA
El desayuno es la primera comida y se consume por la mañana antes de las diez. Por lo general consumen cafè con leche y alguna pieza de bolleria o churros. A media mañana muchos españoles disfrutan de una bebida y de un pincho que les ayuda a sobrellevar la mañana hasta la hora de comer.
El almuerzo es la comida principal, se hace entre las trece y las diecisèis. Por lo general se compone de tres platos: un primero plato ligero ( como sopa), un segundo plato màs pesado (con carne,huevos,o pescado),fruta o bolleria seguido de cafè. La comida se acompaña con pan y tambièn vino y agua.
La cena es la ùltima comida de dià, se consuma en familia entre las veinteuno y las veinte dòs horas.
STORIA + ITALIANO

preparazione di piatti e bevande davanti a medici

marzo 2016

NON-ALCOLHOLIC CONSEST

7 maggio 2016

conferenza davanti a una platea di esperti

11 maggio 2016